DiSTA, Dipartimento Scienze e Tecnologie Agroambientali

Area di Entomologia "G. Grandi"

FACOLTA' DI AGRARIA UNIVERSITA' DI BOLOGNA

Gli insetti delle piante forestali e inurbate
Piero Baronio

Platano



Indice degli alberi


Home Entomologia

Ibernia sfogliatrice
Erannis defoliaria Cl. (Lepidoptera, Geometridae)

Polifaga è presente su piante dei generi: Fagus, Ulmus, Tilia, Quercus e Prunus.
Sintomi - Foglie erose ad eccezione delle nervature principali.
Descrizione
Adulti: maschi generalmente di aspetto giallastro con tonalità bruno-ruggine con le ali anteriori attraversate da due larghe fasce bruno rossicce e con una macchia nerastra, quelle posteriori di colore giallo paglierino hanno sfumature bruno ruggine. L'apertura alare è compresa tra 35 e 41 mm. Le femmine attere di colore giallo chiaro con macchie nere sono lunghe da 8 a 14 mm.
Larve: bruno rossastre o verdiccie più o meno chiare con due bande dorsali scure ed una linea bruno-giallastra su ogni fianco. Il capo è bruno rossiccio. A maturità raggiungono una lunghezza compresa tra 30 e 35 mm.
Biologia - Compie una generazione all'anno trascorrendo l'inverno allo stato di uovo. Gli adulti sfarfallano a novembre e le femmine, camminando, risalgono il tronco per raggiungere la chioma dove depositano le uova, a gruppetti, sulle gemme o in loro prossimità. In aprile cominciano a schiudere le larve che riducono le foglie alle sole nervature principali. A cominciare dalla metà di giugno queste sono mature e per mezzo di un filo sericeo si portano al suolo, entro cui si incrisalidano all'interno di un lasso bozzolo di seta. A fine autunno inizio inverno sfarfallano gli adulti.
Periodo di dannosità - Dalla metà di aprile fino allo stesso periodo di luglio.
Tecniche di risanamento - Trattamenti a basa di Bacillus thuringiensis var. kurstaki in maggio contro le larve giovani.